AZIENDA

A1_IMG_0445

DAL 1928
IMG_0387_2L’azienda agricola Diana nasce nel 1928 fondata da Angelo che lavorava i terreni di Castana e produceva già allora eccellenti vini rossi, che nel 1951 ottenevano diplomi di merito e importanti riconoscimenti. Dopo il 1970 la conduzione passa al figlio Mario, che quello stesso anno con cinque produttori di Castana ottiene il riconoscimento – ministeriale – della Denominazione di Origine Controllata per il Buttafuoco, oggi vino di punta dell’azienda.

Dal 2007 al 2012 Diana è stata radicalmente ristrutturata e modernizzata da Giovanni, la terza generazione di questa famiglia di viticoltori, per rispondere con mezzi e risorse alle esigenze del consumatore sempre più attento al prodotto che sceglie.

LA CANTINA
B2_IMG_0469Nel rispetto dell’impianto originale, la cantina è oggi disposta su quattro livelli comunicanti. In un percorso ascendente che dal piano terreno all’ultimo percorre a ritroso il processo che dall’uva si fa vino: si parte dall’affinamento in barriques e tonneau, si sale verso l’affinamento in acciaio e alle sale di ricezione dell’uva, fino a giungere al ricovero degli attrezzi agricoli e arrivare della cascina direttamente ai vigneti. La barricaia è stata ricreata in un’originale cantina del 1600 i cui muri di sassi e mattoni conservano intatto il fascino del borgo medioevale che era l’antica Castana.

B3 IMG_0532

IL MUSEO
La torre dell’Acquedotto recentemente ristrutturata a simbolo dell’azienda accoglie il Museo Contadino: una raccolta di antichi oggetti della vita di campagna, pezzi significativi della cultura agricola del secolo scorso, insieme a cimeli di famiglia che ricompongono in un delicato quadro, la memoria visiva e concreta della storia Italiana più recente.
B5 FOTO4
Il museo è tappa obbligatoria delle visite in cantina.

LA TORRE – Guarda le foto della torre